Guacamoliamoci tutti!

Non si è capito, vero, che ci piacciono queste cosine cremose in cui pucciare verdurine crude, prodotti da forno vari o le tortilla chips?

Dopo l’Hummus, cambiamo continente e ce ne andiamo nelle Americhe a scoprire la salsa Gaucamole! Venite?

Angolo del saputello, vieni a meeeee! [Sailor Moon credo sia impressa indelebilmente nella memoria di molte di noi, non negatelo, amen].

Come dicevo prima, il guacamole è una salsa messicana a base di avocado, la cui origine risale al tempo degli Aztechi. Il nome deriva dal termine Nahuatl (lingua uto-azteca parlata in Messico) AhuacaMolli, da Ahuacatl (avocado) + molli (salsa).

guacamole

Attenzione perchè molte ricette in rete (tra cui anche la nostra) indicano tra gli ingredienti il pomodoro classico (jitomate), mentre la guacamole originale prevede l’utilizzo del tomate, ovvero il pomodoro verde messicano, di cui potete trovare testimonianza fotografica qua. Ecco, libertà massima al vostro (e nostro) estro nonché a ciò che fornisce la dispensa, purchè si sappia che la ricetta base da cui partire per fare le nostre variazioni non prevede pomodori rossi.

guacamole

Per preparare il guacamole classico è necessario innanzitutto schiacciare gli avocado con la forchetta e aggiungere succo di lime o di limone che, oltre a insaporire la salsa, serve a evitare che questa cambi colore e si ossidi. Sminuzzare e aggiungere poi successivamente il resto degli ingredienti per completare il tutto.

 

La preparazione tradizionale comporta l’uso del molcajete (mortaio e pestello tipici messicani), ma per questa salsa va benissimo anche utilizzare il frullatore o la semplice forchetta. Giusto perché si sappia, il molcajete è nella mia lista dei desideri. Che me ne faccio di un mazzo di rose se posso avere un mortaio messicano?!

guacamole

Digressione pro “desiderata” a parte, alla fine la salsa guacamole è adattabile ai propri gusti e si possono pertanto fare le infinite aggiunte o sostituzioni volute.
A preferenza, varieranno quindi il sapore, la consistenza ma anche il colore finale del vostro guacamole.

La versione oggi proposta è ispirata a Lei: una guacamole molto rustica, un filo Tex-mex e, come potete osservare dalle foto, di un verde poco saturo. Abbiamo infatti sperimentato e frullato insieme tutti gli ingredienti.

Sappiate comunque che la mia guacamole di battaglia, diversa da questa e decisamente più verde, prevede solo 2 avocado, pochissimo aglio in polvere, sale e pepe a piacere, mezzo pomodoro e mezzo peperone a cubetti piccinipicciò aggiunti dopo.

Ingredienti per 4 persone:

1/4 cipolla rossa di tropea piccola
½ spicchio d’aglio privato dell’anima
1 peperoncino fresco privato dei semi (a voi la scelta del grado di piccantezza)
3 avocado maturi
Succo di 2 lime
sale e pepe a piacere
2 pomodori rossi non troppo grandi

Tempo di preparazione:

15 minuti

Kilokalorie per porzione:

135 kcal

Grado di Difficoltà:

1/5

Preparazione:

Niente di più facile: per una salsa guacamole sprint basta frullare insieme tutti gli ingredienti, servirli in coppette carine e accompagnarli da una cascata di tortilla chips e qualcosa di fresco da bere.

Se avete un aperitivo improvvisato o volete farvi una cena sul divano in compagnia della vostra serie tv preferita, questa ricetta è perfetta per voi!

guacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamoleguacamole

Your email is never published or shared. Required fields are marked *

*

*