Quinoa: un Super Cibo utilizzato come un Cereale!

Un alimento vegetale molto in voga attualmente è la quinoa, un falso cereale che ha caratteristiche molto simili a quelle dell’avena, dell’orzo, del frumento, del mais, del miglio o del riso ma che non appartiene alla famiglia delle graminacee bensì alla stessa famiglia di spinaci e barbabietole.

La quinoa è un alimento estremamente nutriente, a cui è addirittura attribuito il nome di super cibo: è impiegata infatti perfino nell’alimentazione degli astronauti.

Originaria del Sud America, la quinoa costituisce l’alimento base delle popolazioni andine. Gli Inca la veneravano come pianta sacra, chiamandola addirittura “madre di tutti i semi”. I paesi maggiori produttori di quinoa sono la Bolivia, il Perù e l’Ecuador, ma la sua coltivazione si sta espandendo in differenti aree geografiche del pianeta grazie alla sua straordinaria abilità di adattarsi a diversi ecosistemi e condizioni climatiche.

 

E’ un alimento altamente nutriente e digeribile, ma non eccessivamente calorico (368 kcal per 100 gr). Presenta un buon equilibrio tra proteine e carboidrati ed è adatto ad ogni tipo di dieta, compresa quella celiaca vista la totale assenza di glutine. La quinoa ha anche un’ottima concentrazione di fibre e minerali quali fosforo, zinco, ferro, magnesio ed è la sola pianta alimentare a contenere tutti e nove gli amminoacidi essenziali (dunque fondamentale nelle diete vegetariane e vegane) in proporzioni bilanciate, corrispondondenti alle raccomandazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità). Il suo contenuto proteico è pertanto superiore a quello di cereali più comuni quali il grano, l’orzo o il farro. Contiene inoltre grassi in prevalenza insaturi, riboflavina (vitamina B2), vitamina C e vitamina E.

Le principali varietà di quinoa sono tre e si contraddistinguono per il colore dei chicchi: rossa, gialla o nera. Tutte e tre estremamente duttili in campo culinario, si sposano perfettamente con altri ingredienti nella preparazione di pietanze sia dolci che salate.

All’atto pratico, per utilizzare la quinoa si raccomanda di sciacquarla prima della cottura, così da eliminare le tracce di saponine presenti sui chicchi. Le saponine, che conferiscono un sapore amaro a questo non cereale, sono sostanze con azione irritativa e devono il loro nome alla capacità di formare schiuma a contatto con l’acqua. Proprio per questo motivo, esse vengono utilizzate in Sudamerica per la preparazione di detergenti naturali per il bucato.

quinoa grainsquinoa rawquinoa recipes

 

Your email is never published or shared. Required fields are marked *

*

*