Caponata di Melanzane Siciliana

Adoro la caponata di melanzane e adoro le melanzane! Peccato che la loro stagione sia solo l’estate, altrimenti potrei mangiarle ancora e ancora e ancora!

Si può però ovviare alla loro assenza invernale preparandole sott’olio, sott’aceto, essiccate o… in vasetti di caponata! E’ un modo semplice e genuino per spirigionare il profumo del sole nelle fredde serate invernali, non trovate?

Ad essere sincera, non mi sono ancora mai cimentata in totale autonomia nella preparazione delle conserve: ho sempre e solo aiutato la mia mamma, quando era ancora in vita.

Oggi mi limito quindi a presentarvi una caponata espressa: scegliete voi se finirla a cucchiaiate, accompagnarla da un sacco di fette di pane o conservarla in vasetti!

 

La ricetta originale siciliana è naturalmente vegan: prevede la frittura dei dadini di melanzana, gli immancabili capperi, l’uvetta, il sedano, le olive e il caratteristico agrodolce (di importazione quasi sicuramente araba) che caratterizza l’inconfondibile sapore.

La mia versione è tuttavia altamente alleggerita: ho eliminato l’agrodolce e la frittura è diventata stufatura.

Voi regolatevi come preferite, ma sappiate che la mia versione (potete trovare quella con l’aceto, per esempio, in questo meraviglioso blog: Trattoria da Martina) crea totale dipendenza!

italian caponata melanzane eggplants

Ingredienti per 5 porzioni:

2 grosse melanzane tonde, dal colore viola chiaro e dal gusto delicato
4 spicchi di aglio
4 pomodori pelati
2 gambi di sedano
½ cipolla di tropea
100 gr di olive verdi denocciolate
100 gr di olive nere denocciolate
2 cucchiai di capperi dissalati
150 gr di uvetta
50 gr di pinoli
10 belle foglie di basilico
Origano
8 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Tempo di preparazione:

25 minuti di preparazione + circa 40 minuti di cottura + 2 ore di riposo delle melanzane sotto sale (facoltativo)

Kilocalorie per porzione:

400 kcal circa

Grado di Difficoltà:
2/5

Preparazione:

Laviamo le melanzane sotto acqua corrente e tagliamole a dadini. Questa varietà di melanzana a mio avviso è dolce e non necessita di riposo sotto sale per eliminare il sapore amaro.

In caso vi vengano dei dubbi, mettetele in uno scolapasta molto capiente e cospargetele di sale grosso, lasciandole spurgare per almeno 2 ore, quindi sciacquatele, strizzatele e asciugatele tamponandole con uno strofinaccio pulito.

A questo punto, le melanzane andrebbero fritte. Io – come vi dicevo – ho preferito cuocerle con qualche cucciaio d’olio in modo da stufarle, facendole asciugare il più possibile e cercando di lasciarle comunque belle compatte.

A cottura ultimata, mettete le melanzane cotte momentaneamente da parte.

Prendete quindi una casseruola ampia e dal fondo spesso, scaldatevi il rimanente olio extra vergine d’oliva e soffriggetevi il sedano a dadini, la cipolla tagliata fine, gli spicchi d’aglio interi, i pelati, l’uvetta, i pinoli, i capperi dissalati e le olive nere e verdi tagliate in parte a rondelle.

Quando vedrete che il sedano si sarà ammorbidito, aggiungete le melanzane che avevate tenuto da parte, l’origano e le foglie di basilico.

Lasciate cuocere per circa 15 minuti, così da far amalgamare tutti i sapori. All’occorrenza, aggiungete acqua, così da non far bruciare il tutto.

Aggiustate di sale e pepe, eliminate gli spicchi di aglio e lasciate intiepidire prima di servire.

italian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplantsitalian caponata melanzane eggplants

Your email is never published or shared. Required fields are marked *

*

*